Il rapporto con il Cliente

La dimensione familiare che caratterizza lo Studio Legale Tartini garantisce un rapporto personale e diretto tra i professionisti e la Clientela che in qualsiasi momento può contare sull’ascolto e sull’intervento di uno dei titolari.

Il rapporto con il Cliente si caratterizza per ascolto, analisi, strategia, informazione, azione.

Ascolto.
In genere il Cliente si avvicina all’avvocato a posteriori, a giochi fatti o subiti.  A volte è preda di sensi di colpa, altre è portatore di convinzioni irremovibili, e corre il rischio di essere reticente anche con il proprio difensore. E’ una fase delicata alla quale l’avvocato dello Studio Legale Tartini si applica con scrupolo, pazienza e professionalità. Da questa prima fase dipende in grande misura l’esito dell’intervento.

Analisi.
Il Cliente spesso si presenta con la soluzione del suo problema già bell’e pronta nella sua testa. Nella fase precedente di ascolto, l’avvocato avrà cercato di mettere a fuoco la ‘soluzione’  prefigurata dal Cliente   per discernere il possibile dall’immaginario.

Strategia. L’avvocato, con riflessione, esperienza, studio e apertura anche psicologica ad ogni possibile sorpresa definisce lo scenario sul quale sviluppare il suo intervento. E’ la fase creativa del professionista che dovrà tener conto dell’immenso groviglio di leggi presenti nel nostro Paese, tutte nella disponibilità anche della controparte. Ciò senza dimenticare i propri obblighi di lealtà e correttezza deontologica, riconducibili al rango Costituzionale della professione forense.

Informazione. Prima di passare all’azione è compito del professionista informare adeguatamente il Cliente sui risultati dell’analisi e  sugli scenari possibili dell’azione legale, ed acquisire il suo espresso consenso.  

Azione.
L’intervento legale viene adesso portato al di fuori dello Studio, con ogni iniziativa giudiziale o stragiudiziale idonea a tutelare gli interessi del Cliente e dallo stesso condivisa.